Indietro

Venezia chiama Mantova. Obiettivo: esportare un modello d’imprenditoria turistica, quello di Rent It Venice, nato proprio nella città lagunare ed ora maturo per allargare i propri confini

Mantova, 20 ottobre 2018 – Si scrive Rent It Italy, si legge Rent It Venice. Perché il progetto di soddisfare la crescente richiesta di appartamenti turistici a Mantova, una delle più belle città italiane, nasce proprio dall’esperienza di Venezia. Che, evidentemente, ha fatto scuola. Con questi presupposti venerdì 19 ottobre, nella sala convegni della Gazzetta di Mantova, si è presentata al pubblico Rent It Italy, agenzia che rappresenta professionalmente i property manager, ovvero i gestori di immobili, categoria che si pone a metà strada tra chi si occupa tradizionalmente di ricettività (albergatori) e i cosiddetti privati. “L’interesse per Mantova – ha spiegato il presidente di Rent It Italy, il veneziano Massimo Michielan – nasce da un’analisi approfondita che vuole mettere insieme i numeri della potenziale disponibilità di immobili con quella del crescente interesse dei turisti per la città e la sua provincia”. Numeri importanti, per l’appunto, che parlano di oltre 126mila arrivi e oltre 216mila presenze nella sola Mantova nel 2017, cifre che crescono ulteriormente prendendo come riferimento la provincia (312mila arrivi e oltre 633mila presenze nel 2017, con una permanenza media di circa due giorni). “Mantova – ha aggiunto Michielan – solo di recente ha introdotto la tassa di soggiorno e la sensazione è che si voglia favorire il turismo internazionale facendo ponte con altre importanti città d’arte, come Venezia e Verona. Rent It Italy è un modello d’imprenditoria turistica nata proprio nella città lagunare ed ora è matura per portare la sua esperienza anche in altre città: siamo contenti di partire proprio da Mantova con questo nuovo start up progettuale”.

“Abbiamo accettato con entusiasmo – ha voluto evidenziare il responsabile commerciale di Rent It Italy, Francesco Beraldo – questa nuova sfida: nell’incontro si è parlato di fiscalità con Graziano Mangoni, Direttore Fondazione BAM, mentre il dottor Marco Voceri ha parlato di gestione e dei servizi attinenti a questo nuovo modello di affitto. Avere di fronte un pubblico di oltre 60 persone non ha fatto che consolidare le nostre aspettative, che sono molto alte”. Tra gli interventi, da segnalare anche quello di Paola Gianotti, responsabile per lo sviluppo della piattaforma Yougenio.

Il modello d’affitto introdotto da Rent It Italy è molto semplice: il proprietario che intende immettere il proprio immobile nel settore turistico, lo affida all’agenzia. Da quel momento, i professionisti di Rent It Italy pensano a tutto: dalla promozione all’accoglienza, dalle pulizie alla manutenzione ordinaria, fino ad arrivare all’espletamento di tutti gli adempi burocratici (pagamento della Tassa di Soggiorno al Comune, versamento delle imposte dovute allo Stato, dichiarazione alle autorità competenti delle generalità di ogni singolo ospite.

$('.owl-carousel1').owlCarousel({ loop:true, margin:0, nav:true, responsive:{ 0:{ items:1 }, 600:{ items:1 }, 1000:{ items:1 } } })